Ita/Eng/Gre/Fra/Deu
Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti che ci aiutano a fornire i nostri servizi, clicca su +Info per saperne di più o negare il consenso
Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all’uso di tutti i cookie
Nuove scoperte archeologiche, sarcofagi romani rinvenuti allo Stadio Olimpico



Una sorprendente scoperta archeologica durante lo scavo di un cantiere. Succede a Roma, nei pressi dello Stadio Olimpico, proprio dietro la Curva Nord. Pochi giorni fa, nel corso di lavori finalizzati alla messa in opera di tubazioni di sotto-servizi, sono state riportate alla luce due tombe a circa 2 metri e mezzo di profondità dal piano stradale.
Si tratta di sepolture di fanciulli, probabilmente di una abbiente famiglia romana. I due sarcofagi sono entrambi in marmo, e uno è decorato con un ricco bassorilievo. A una prima analisi potrebbero risalire al III – IV secolo d.C., ma la datazione potrà essere confermata solo dopo un approfondito esame.




Lo scavo di archeologia preventiva diretto dalla dottoressa Marina Piranomonte, con gli archeologi Alice Ceazzi, il restauratore Andrea Venier, l’antropologa Giordana Amicucci e il topografo Alessandro Del Brusco ha permesso di far riaffiorare dal sottosuolo e dal passato i sarcofagi.  



I ritrovamenti sono stati rimossi e portati nei laboratori della Soprintendenza Speciale di Roma per essere analizzati, studiati e restaurati nei prossimi mesi. I risultati delle ricerche saranno divulgati nel prossimo autunno.