Le 3 fasi della toelettatura del cane: dal cucciolo al cane anziano

Quando i cani invecchiano, i loro bisogni cambiano più o meno come per le persone, spesso significa che devono seguire una dieta che si adatti alla loro età e le passeggiate potrebbero accorciarsi ma col passare degli anni cambiano anche altre esigenze inclusa la cura del pelo che cambia col passare degli anni.

Le esigenze di toelettatura cambiano man mano che il cane passa dall’essere un cucciolo a un cane adulto e quando raggiunge la vecchiaia è importante sapere come mantenere il suo pelo in buone condizioni, questo significa sapersi adattare in base all’età del cane.

Sapere come toelettare il vostro cane è una parte importantissima della sua cura perché lo aiuta a mantenere pelo e pelle in ottime condizioni per tutta la vita. Abbiamo chiesto agli esperti di Petyoo alcuni consigli e di seguito e di seguito riportata una spiegazione di come le esigenze di pulizia del cane cambiano nel tempo a partire da quando è un grazioso cucciolo giocoso fino ai suoi anni più tranquilli.

Le necessità di toelettatura dei cuccioli

Tutti i cuccioli appena nati hanno quello che viene chiamato un “pelo da cucciolo“, che in genere è leggermente più corto di quello che sarà quando diventeranno adulti. Questa prima pelliccia tende ad essere molto più soffice e abbastanza fine perché non ha ancora un sottopelo. Questa prima pelliccia è inoltre progettata per tenere al caldo e proteggere i cuccioli finché non saranno pronti a lasciare la cuccia alla scoperta del mondo esterno.

Sebbene dipenda dalla razza, un cucciolo inizierà a sviluppare il pelo da adulto quando avrà circa 6 mesi ma la buona notizia è che il pelo dei cuccioli si arruffa e si annoda molto meno il che rende più semplici le operazioni di toelettatura. In questa fase della loro vita non sono necessari troppi sforzi per la toelettatura ma è indispensabile far sì che il cucciolo prenda confidenza con gli strumenti da toelettatura che userete, ecco perché è buona norma inserirli nella loro routine quotidiana in modo che la toelettatura diventi per loro un’esperienza rilassante e divertente.

Non importa se il vostro cucciolo ha il pelo lungo o liscio, l’importante è che si abitui a tutti i rumori e le sensazioni che proveranno durante la sessione di toelette, la prima cosa da fare quindi è investire negli strumenti giusti per la razza del vostro cane, potete chiedere consiglio sia all’allevatore che ad un toelettatore professionista.

Una volta ottenuti gli strumenti necessari adatti introduceteli al cucciolo facendoglieli annusare prima di iniziare a spazzolarlo delicatamente. Le prime sessioni di toelettatura devono essere brevi, assicuratevi che al cucciolo piaccia l’esperienza e premiatelo se si comporta bene, è fondamentale terminare la sessione di toelettatura con una nota positiva!

Quando il cucciolo è felice di essere toelettato non vedrà l’ora della sessione di toelettatura successiva, a questo punto lo si può portare presso un salone per avere una toelettatura professionale in un ambiente diverso e con persone che non conosce: è importantissimo per la sua socializzazione ma ricordatevi di portarlo soltanto quando avrà preso abbastanza confidenza con le operazioni di toelette, mai prima.

Le necessità di toelettatura dei cani adulti

Quando si tratta di cani adulti e maturi è davvero importante mantenere il loro pelo ben curato. In breve, si tratta di far sì che la pelliccia non si annodi o non si aggrovigli e che i peli morti vengano rimossi regolarmente. Detto questo, alcune razze hanno esigenze maggiori rispetto ad altre ma la chiave per mantenere il pelo bello e sano a prescindere dalla razza è spazzolarlo a fondo e regolarmente.

I cani con un pelo difficile da gestire possono trarre molti benefici da un toelettatore professionista sia a domicilio che presso un salone. Detto ciò, per rendere le cose più semplici sia per voi che per il vostro amico a quattro zampe l’importante è investire negli strumenti giusti e spazzolare regolarmente il pelo evitando che si aggrovigli.

Anche se non dovreste mai lavare troppo spesso un cane per non eliminare i preziosi oli che lo proteggono dovreste comunque abituarlo al bagno, non si sa mai quando questo può diventare una necessità sia per ragioni mediche che per il fatto che il cane si sia rotolato in qualcosa di disgustoso, cosa che tutti i cani amano fare.

Le necessità di toelettatura dei cani anziani

Quando i cani raggiungono la vecchiaia tendono a muoversi meno ed iniziano a comparire grumi e protuberanze sui loro corpi. I cani più anziani amano essere spazzolati e coccolati con maggiore frequenza soprattutto se affetti da artrite. Spazzolarli può alleviare alcuni dolori e disturbi associati alla vecchiaia così oltre a mantenere un bel pelo si allevia moltissimo il disagio causato dall’età avanzata.

È anche importante prestare maggiore attenzione ad alcune aree che includono le zampe, le unghie e la zona intorno alle loro “parti private” assicurandosi che tutto sia sempre ben curato e ordinato anche per una questione igienica. Piuttosto che fare il bagno a un cane anziano e preferibile effettuare delle spugnature con acqua tiepida quando diventa troppo sporco inoltre con l’età la pelliccia diventa più sottile il che significa che va spazzolato più delicatamente per evitare di ferirlo.

Conclusioni

Man mano che i cani invecchiano molti dei loro bisogni cambiano inclusi la dieta, l’esercizio fisico ma anche le necessità di toelettatura. Un mantello da cucciolo ha generalmente bisogno di meno cure ma è il momento perfetto per introdurlo a tutti gli strumenti, le sensazioni e i rumori associati al momento della toelettatura. Il pelo di un cane maturo ha bisogno di più manutenzione anche se le necessità variano in base alle razze. Durante gli anni della vecchiaia sessioni regolari di toelettatura aiutano a mantenere il pelo sano ma anche ad alleviare disturbi e dolori tipicamente associati all’età avanzata.

Giulio Frigerio

Torna in alto