Come realizzare video e spot pubblicitari

I video e gli spot pubblicitari non sono sempre stati come li conosciamo oggi, ma venivano presentati come un vero e proprio spettacolo televisivo che precedeva la fine delle trasmissioni, prima di andare a letto. Era un appuntamento che riuniva tutta la famiglia davanti la TV ed era conosciuto come Carosello.

Oggi le pubblicità si sono evolute proprio come tutti i mezzi di trasmissione e con l’avvento di internet, anche gli spot pubblicitari hanno conquistato sempre più questo strumento di diffusione di massa.

Il fenomeno ormai è talmente diffuso che niente è esente da pubblicità: Facebook, YouTube, app su smartphone e perfino la semplice navigazione su internet è costellata di banner e pop-up che ci invitano costantemente all’acquisto di un qualche prodotto o servizio.

Oggi ci concentriamo nello specifico sulla realizzazione di spot pubblicitari, i mezzi più classici e diffusi per raggiungere potenziali clienti.

Creare video e spot pubblicitari: le varie fasi

Cercheremo di suddividere questa guida nel modo più completo e chiaro possibile per poter raggiungere sia i video maker esperti, sia quelli alle prime armi.

In ogni caso rispolveriamo alcuni concetti base per i primi e sveleremo alcuni consigli utili per chi invece ha appena iniziato. Non c’è molto da sapere per quanto riguarda le fasi: si tratta d’ideazione, produzione e post-produzione.

Realizzare uno spot pubblicitario: ideazione

Che si tratti di uno spot o un video pubblicitario, niente può avere inizio senza una buona ideazione. Tutto nasce durante il primo approccio col committente, si studiano le sue necessità, il tipo di prodotto che vuole pubblicizzare, il target di clienti che vuole raggiungere, il messaggio che vuole trasmettere.

Dopo aver raccolto queste utili informazioni, si passa allo studio dell’inserimento dei sei elementi di un video pubblicitario: destinatario, destinante, oppositore, aiutante, oggetto e soggetto. Ognuno di questi deve essere inserito in base allo studio delle informazioni raccolte nella prima fase.

La produzione di uno spot pubblicitario

Un video pubblicitario non è molto diverso da un vero e proprio film, anzi, è possibile definirlo il racconto di una storia in pochi secondi, unica differenza da un lungometraggio di qualche centinaio di minuti.

Proprio come in un film, per uno spot pubblicitario è necessario realizzare una sceneggiatura. Questa prevedere una o più location, protagonisti e comparse, scenari, luci e molti altri elementi dovrebbero essere curati ciascuno dal proprio professionista di settore.

La pianificazione è importante in modo che si possa arrivare al giorno delle riprese nei tempi più brevi e quindi ridurre al minimo i costi.

Arrivati al momento delle riprese, anche queste dovrebbero essere dirette da un professionista, ossia un regista, il quale sa determinare se la ripresa appena fatta è buona per il montaggio oppure no.

Uno spot ovviamente non richiede i tempi colossali di un film, ma un po’ di ritardo è sempre normale. Tutto deve essere al suo posto e inoltre, la fretta, non è mai una buona consigliera.

Montaggio e post-produzione

Dopo aver pianificato, approvato e ripreso tutto il necessario per il montaggio, finalmente si passa alla post-produzione di un video pubblicitario.

La prima regolare per ottenere un buon prodotto è rendere perfetti i primi 10 secondi dello spot. Mediamente è questo il tempo che l’osservatore impiega prima di decidere se stare a guardare o cambiare canale.

Gli ultimi secondi sono altrettanto importanti se l’obiettivo del committente non è solo quello di mettere in mostra il brand, ma invitare il cliente a una call-to-action.

Spesso però, un prodotto che per un montatore può risultare perfetto, è oggetto di richieste di modifiche e aggiunte. Questo farebbe perdere la pazienza a chiunque, ma bisogna ricordare che quello che per chi lo realizza è un video ben riuscito, per il cliente è lo specchio del proprio nome e deve essere come lui vuole.

Bruno Moretti

Torna in alto