3 plugin indispensabili per WordPress

WordPress è una fantastica piattaforma di sviluppo per siti internet ed ha delle caratteristiche che la rendono apparentemente abbastanza semplice da utilizzare. Tuttavia pur configurandosi come user friendly, chiaramente occorre sapere alcune cose per puntellare bene la nostra struttura. Così facendo eviteremo infatti danni irreparabili che possono compromettere tutto il duro lavoro fatto a causa di falle nella sicurezza, o ancora dimenticare elementi essenziali per indicizzare bene il sito.

Andiamo quindi a vedere alcuni plugin indispensabili per Wordpress con l’aiuto di Mauro Pinto designer di Geofelix web agency a Milano.

All in One Wp Security & Firewall: la sicurezza è importante

Al giorno d’oggi è importantissimo avere un sito non solo performante per scalare le pagine dei Search Engine come Google, ma anche sicuro per evitare che da un giorno all’altro il nostro bellissimo progetto scompaia nel nulla.

Logicamente il primo consiglio spassionato è quello di avere sempre un backup aggiornato con frequenza giornaliera di tutto il sito. Esistono inoltre delle validissime protezioni per tenere il lavoro svolto protetto sotto ogni punto di vista.

Il plugin che possiamo consigliare per curare al meglio tale aspetto è All in One Wp Security & Firewall. Si tratta di un insieme di tool a cui non si può rinunciare come ad esempio:

  • Firewall
  • Check dell’integrità
  • Creazione e management di black list
  • Blocco della modifica dei file php
  • Protezione totale da attacchi brute force e da commenti spam
  • Backup del database

Yoast: l’aiuto definitivo per la SEO

La SEO è un campo molto vasto di competenze e conoscenze che non andremo certo ad esaurire qui, di conseguenza partiremo dal presupposto che ci rivolgiamo a chi ha già delle basi solide nel campo.

Il plugin Yoast SEO rappresenta un grandissimo aiuto per l’ottimizzazione dei contenuti per renderli migliori agli occhi dei Search Engine. Grazie a questo tool avremo infatti la possibilità di modificare sotto ogni pagina, o contenuto presente nel backend, tag title e description, ovvero i parametri di ciò che tecnicamente si chiama Snippet: l’anteprima che compare nelle SERP.

Altro aspetto di Yoast SEO è l’impostazione di una focus keyword con il classico semaforo per capire di primo acchito se abbiamo svolto un buon lavoro su quella determinata chiave di ricerca. Attenzione: non devi prendere per oro tutti i suggerimenti del semaforo di Yoast, ma puoi usarli all’inizio della tua carriera di blogger come una sorta di linea guida per mettere in pratica ciò che hai studiato, si spera, altrove.

Infine, ed è da considerare tra le opzioni più importanti del plugin, la compilazione dei parametri Open Graph e la creazione della Sitemap XML, di cui possiamo copiare e incollare i singoli URL su Search Console per indicare la via giusta ai crawler per la corretta indicizzazione. Seguendo questa best practice il sito viene indicizzato in tempi rapidi.

Duplicate Post: strumento prezioso per il web design

Nella creazione da zero di un sito internet solitamente si crea un layout di partenza che viene concordato con il cliente o che ci piace, e che ottempera a tutti gli obiettivi che ci si è prefissati. Questi variano in base al tipo di sito che si ha in mente. Il web design deve mantenere in ogni caso una certa coerenza per non spaesare chi naviga e per accompagnarlo lungo un sentiero logico.

Ecco che entra in gioco Duplicate Post: si tratta di un plugin che permette, nonostante il nome, di duplicare sia articoli, che pagine intere. Ovviamente il vantaggio in termini di produttività è lampante perché con un solo click possiamo riproporre il layout base su un numero potenzialmente infinito di pagine. Bisogna solo stare attenti a non creare contenuti duplicati ovvero identici, perchéè si può incorrere nelle penalità di Google.

Duplicate Post serve anche quando dobbiamo lavorare su un sito già pubblicato: potendo replicare una pagina senza toccare quella originale possiamo far vedere al cliente finale le modifiche, senza bisogno di mettere tutto il sito in manutenzione. I visitatori del sito non si accorgerebbero di nulla.

Giulio Frigerio

Torna in alto